Politica

LEGA IN ABRUZZO PER RINGRAZIARE GLI ELETTORI. BELLACHIOMA: «ORA TOCCA ALLA REGIONE»

AVEZZANO – Dirigenti della Lega – Noi Con Salvini in Abruzzo per ringraziare gli elettori, attraverso una conferenza stampa, del grosso successo del partito in una regione non esattamente a nord del paese.

Un successo e tanti eletti che non hanno precedenti nella storia di questo partito in Abruzzo.

«Il mandato ricevuto dagli elettori sarà rispettato fino in fondo: non abbiamo alcuna intenzione di percorrere vecchie logiche politiche per cui, una volta eletti, i parlamentari dimenticano la terra e le persone di cui sono espressione».
Giuseppe Bellachioma, coordinatore regionale di Lega Salvini Premier e parlamentare neo eletto, ribadisce così la ferma volontà di tenere ben saldi i rapporti con il territorio, nella dinamica di un partito che, con il risultato elettorale appena ottenuto, ha allargato la sua base di riferimento in tutta Italia. Lo sottolinea l’economista Alberto Bagnai, eletto al Senato in Abruzzo, regione per cui sente un forte vincolo di appartenenza. Docente dell’Università d’Annunzio non manca di riaffermare il rapporto con un ateneo «che ha sempre tutelato la mia voce». Bagnai rivendica per l’Italia e per l’Abruzzo la necessità «di recuperare la coscienza del ruolo in Europa e la consapevolezza di un orgoglio nazionale. Questo significa per noi “prima gli italiani”. Durante la campagna elettorale ho conosciuto tante persone normali, volenterose, animate da voglia di cambiare che poi hanno trasmesso i loro valori nel voto. La sinistra ha, invece, tradito tutti i valori di cui è portatrice, compresi quello dell’umanità, visto come ha gestito il fenomeno migratorio, e quello della sicurezza».
Il progetto Lega ha già centrato i suoi primi due risultati: «Restituire L’Aquila ai suoi cittadini supportando l’elezione a sindaco di Pierluigi Biondi e conquistare un ruolo leader all’interno della coalizione di centrodestra», ricorda Bellachioma. Aquilano è il secondo eletto alla Camera, Luigi D’Eramo, assessore proprio nella giunta Biondi e primo parlamentare del capoluogo nell’era del centrodestra: «Quello della Lega è stato un risultato straordinario – afferma – la dimostrazione di una solida fiducia nei nostri confronti. Noi vogliamo marcare la differenza: meno promesse e più capacità di concretizzare le proposte. La differenza tra noi e i 5 Stelle è che il voto per Grillo è stato un voto di protesta, quello per Salvini un voto di proposta. Su di noi, ora, passa gran parte della responsabilità delle scelte nella coalizione». Poi una stoccata a D’Alfonso: «Sarebbe cosa buona e giusta se il presidente della Regione si dimettesse senza aspettare la convalida degli eletti. Non ha dato risposte ai problemi dei cittadini. È stato per l’Abruzzo un padre-padrone, un podestà più che un governatore».
Due risultati ottenuti, resta il terzo obiettivo: «Dopo un’attenta analisi del voto – prosegue Bellachioma – formeremo una squadra di persone oneste e competenti per riconsegnare anche la Regione agli abruzzesi». E per quanto riguarda le candidature, aggiunge D’Eramo: «Non siamo secondi a nessuno, quello all’interno della coalizione di centrodestra ora è un confronto alla pari e credo che la Lega sia in condizione di ricoprire qualsiasi ruolo». E quindi? «Quindi il prossimo candidato alla Presidenza della Regione sarà leghista» conclude Bellachioma.

Redazione

La redazione di MarsicaWeb mette l'informazione libera al primo posto, senza alcun compromesso. Si propone come voce dei cittadini e del territorio, sostiene il diritto di stampa e la libertà di pensiero, rifiuta ogni censura e condanna il fenomeno delle 'fake news'.