Sport

PAREGGIO DELL’AVEZZANO A CASTELFIDARDO. MARCHIGIANI SALVI CON UN RIGORE NEL FINALE

AVEZZANO Il gol biancoverde firmato da Dos Santos

di Claudio Di Giuseppe

AVEZZANO – Rallenta, ma non si arresta, la striscia positiva dell’Avezzano calcio. Trasferta difficile nella roccaforte marchigiana marchiata Castelfidardo. Un pareggio che sta stretto agli ospiti, dall’inizio più aggressivi e propositivi.

La domenica calcistica dell’Avezzano calcio riprende a Castelfidardo, dopo la sospensione per avverse condizioni climatiche, con l’obbiettivo play-off. Questo l’obbiettivo dichiarato dal Presidente  del club ed alla piena portata della squadra visti i risultati ed il terzo posto ottenuto finora.

Carichi di questi risultati, l’Avezzano parte all’attacco, esprimendo quantità in un primo tempo dominato sul piano delle occasioni create e del gioco proposto. Alcune occasioni vanno registrate anche sul tabellino per il Castelfidardo, ma il ritmo lo dettano gli ospiti.

Difatti, nel secondo tempo cambio di modulo per i marchigiani che rafforzano le linee difensive passando dal 3-5-2 al 4-3-3. L’Avezzano sfrutta il minor affollamento a centrocampo, il Mister si gioca i cambi per dare nuove forze, ed al 22′ passa. Punizione di Cerone smorzata dalla barriera sulla quale si avventa il solito Dos Santos per l’1-0.

Da lì il Castelfidardo si fa più aggressivo, costretto ad inseguire, ma viene gestito con accortezza dai biancoverdi.

La doccia fredda però arriva proprio nel finale, dove in una fase di mischia nell’area, l’arbitro sig. Taricone ravvisa gli estremi per un calcio di rigore. Sulla palla va Montagnoli e ristabilisce gli equilibri. Pochi minuti dopo il match finisce. Marsicani che consolidano il terzo posto, avanti di una lunghezza rispetto alle inseguitrici (Vastese e proprio Castelfidardo). Adesso starà alla squadra domenica protrarre ulteriormente la striscia positiva davanti alla sua curva, fra le mura amiche.

 

Redazione

La redazione di MarsicaWeb mette l'informazione libera al primo posto, senza alcun compromesso. Si propone come voce dei cittadini e del territorio, sostiene il diritto di stampa e la libertà di pensiero, rifiuta ogni censura e condanna il fenomeno delle 'fake news'.