Politica

CRISI COMUNALE DI AVEZZANO. FEROCE BOTTA E RISPOSTA FRA MAGGIORANZA E MINORANZA PRIMA DELLA COMMISSIONE BILANCIO

AVEZZANO – Crisi comunale di Avezzano, feroce duello di comunicati fra maggioranza e minoranza al Consiglio comunale, ammesso che ci sia qualcuno che abbia capito chi e dove, a poche ore dalla Commissione bilancio. E la “Recuenta Final”, probabilmente avverrà già nel pomeriggio, senza dover aspettare il Consiglio del 21. In attesa degli eventi e lasciando stare i vaticini, vi proponiamo lo scambio di vedute.

Il primo vede protagonisti il portavoce del sindaco e i consiglieri di opposizione Babbo e Gallese sulla questione ex casa di riposo, sicurezza e forze dell’ordine. Alle accuse di Babbo e Gallese, come ricorderete, aveva replicato il sindaco con il suo assessore alla sicurezza, quindi aveva controreplicato Babbo in Consiglio, anche a nome di Gallese. Quindi è arrivata la contro-controreplica di Appetiti in nome e per conto del sindaco a cui è seguita, a stretto giro, la ricontroreplica di Babbo e Gallese. Prima Appetiti e poi Babbo e Gallese.

AVEZZANO Roberto Alfatti Appetiti

«I consiglieri Babbo e Gallese si vergognino per quello che dicono , mentono con spudorata consapevolezza. Non solo non hanno mai provveduto, nella loro funzione di amministratori, a risolvere il problema della sicurezza della casa di riposo San giuseppe,  ma tentano goffamente di confondere le idee dei cittadini di Avezzano: prima dipingendo un quadro a tinte fosche di tutti i quartieri della Città e dopo, resosi conto della gaffe oppure richiamati all’ordine da qualcuno, addolciscono la pillola tentando un infantile recupero e cercando di buttarla in caciara. Il sindaco ha difeso l’operato delle forze dell’ordine tutte, senza nessuna esitazione e in maniera inconfutabile. Mai ha pensato di scaricare responsabilità a nessuno, se non verso amministratori poco efficaci nell’azione prodotta quando guidavano il comune  e poi per gli inopportuni interventi fatti per tentare un disperato ed inutile recupero della loro immagine. –  Roberto Alfatti Appetiti – Portavoce del Sindaco di Avezzano».

AVEZZANO I consiglieri Babbo e Gallese

«Il primo cittadino cede il passo ai suoi scagnozzi mandandoci a dire che dovremmo vergognarci!!! Se c’è qualcuno che deve vergognarsi, ribadiamo, quello è solo lui. Al fine di evitare di alimentare ulteriori stucchevoli polemiche, stucchevoli tanto quanto la gestione della città in questo primo suo anno di amministrazione, per ristabilire un principio di verità, invitiamo i nostri concittadini a rileggere il primo comunicato da noi sottoscritto così da constatare ictu oculi che la nostra critica-suggerimento era rivolta al Sindaco e non certo alle forze dell’ordine. Ci teniamo a precisare che non siamo stati certo noi ad illudere gli avezzanesi di essere dei “civici” per poi accasarci sotto un simbolo partitico,  ciò anche a significare che se c’è qualcuno che deve rispondere ad un onorevole, ad un coordinatore, ad un partito, quelli non siamo certo noi. Ci chiediamo come possa tacciarci di non aver saputo amministrare negli anni passati e ce lo chiediamo anche in virtù del fatto che egli stesso, insieme a diversi esponenti della sua coalizione, della prima e seconda ora, facevano parte della allora maggioranza. Certo è che se il prezzo da pagare per la nostra Coerenza è il silenzio allora si è sbagliato indirizzo. Tutto quello che dovevamo dire lo abbiamo detto e ulteriori menzogne del primo cittadino e dei suoi luogotenenti non saranno prese in considerazione dal gruppo Per Avezzano. Saranno i cittadini a decidere e magari potranno chiedere conferma di chi è solito dire bugie ai sostenitori della prima ora del Sindaco da egli stesso rinnegati in malo modo e cacciati fuori. – Mario Babbo e Gianfranco Gallese».

AVEZZANO Francesco Eligi

L’altro duello, ma decisamente più soft se pure meno prevedibile, è quello che vede oggi i consiglieri Paciotti e Lamorgese, lista Stirpe, fedelissimi deangelisani, che replicano all’invito del consigliere 5Stelle, Eligi, relativo al varo di un nuovo esecutivo comunale cittadino che potesse governare stabilmente, a tempo, per arrivare ad alcuni risultati.

Avezzano Francesco Paciotti

Questo il testo dei due sostentori del sindaco di Avezzano che ovviamente respigono con cortesia il suggerimento pentastellato: «Eligi stia sereno, l’amministrazione De Angelis durerà altri 4 anni e da lui aspettiamo proposte concrete. L’amministrazione De Angelis concluderà il proprio lavoro tra 4 anni e, così come avviato nei primi mesi, darà un forte contributo alla riqualificazione e allo sviluppo di Avezzano. Vogliamo rassicurare il collega Francesco Eligi, che paventa scenari apocalittici. Invece di improvvisarsi stratega di composizioni di giunta, il collega pensi piuttosto a proporre qualcosa di concreto per la nostra Città, visto che in quasi un anno, oltre a qualche intervento estemporaneo, spesso e volentieri a ricasco dell’ex coalizione Di Pangrazio, non abbiamo rilevato alcunché di concreto nel suo lungo e sinora improduttivo apprendistato in consiglio comunale. Anche nell’ultimo question time avremmo apprezzato persino una qualche critica, ma non abbiamo avuto il piacere di ascoltare la sua voce. Rimaniamo fiduciosi, in ogni caso, che prima o poi, ci renda partecipi della sua idea di rilancio della città, che possibilmente vada oltre fantasiose rappresentazioni di organigrammi. I consiglieri comunali Francesco Paciotti e Alberto Lamorgese».

Stiamo tutti calmi, e fidiamoci di loro.