AVEZZANO – Ancora una organizzazione dedita allo spaccio di hashish e cocaina fra L’Aquila ed Avezzano. A scoprirla e renderla inoffensiva le indagini della Mobile aquilana coordinata dalle Procura di Avezzano e L’Aquila.

Gli uomini della  Squadra Mobile dell’Aquila, sezione antidroga, ha arrestato un cittadino  di nazionalità marocchina residente a Rieti per sottoporlo alla misura cautelare degli arresti domiciliari, per detenzione e  spaccio di sostanza stupefacente che avveniva in questo capoluogo ed a Avezzano. L’ordinanza di applicazione della misura cautelare è stata emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari, Maria Grazia Mastelli.

Le indagini,  avviate circa due anni fa con il fermo di un giovane di Avezzano che aveva appena acquistato cocaina da uno degli arrestati, sono state in seguito supportate da attività tecniche – intercettazioni telefoniche e ambientali , nonché da specifici servizi di Polizia Giudiziaria. L’esito dell’attività investigativa, pienamente accolta dalle Procure della Repubblica di L’Aquila e Avezzano, ha  consentito di smantellare un sodalizio criminale dedito allo spaccio di cocaina e hashish che operava principalmente nel centro storico aquilano, in località Preturo ed in Avezzano nei pressi della stazione ferroviaria. L’intera attività ha consentito di sequestrare un chilo di hashish e 50 grammi di cocaina.

Ancora un fatto evidente e corposo, che deve assolutamente dare l’idea di quanti sia vasto e radicato il giro di droga nella nostra zona. Una fenomeno che, di certo, non può essere affrontato solo ed esclusivamente con la repressione. Informazione, prevenzione, educazione e studio dei mutamenti in atto nella società locale, sarebbero un valido contributo alla comprensione del fenomeno della droga e alle risposte più efficaci per contrastarlo.

P.L.P.