di Americo Tangredi

AVEZZANO – Nella mattinata di mercoledì 10 ottobre dinanzi la sede del tribunale cittadino è andata in scena una manifestazione contro l’impianto di compostaggio CESCA della ditta Contestabile s.rl. Scopo di tale manifestazione è quello di illustrare il ritardo della giustizia sul ricorso presentato dai cittadini contro l’impianto in questione.

Promotore di questa importante manifestazione è stato Sante Gentile consigliere di minoranza del comune di Magliano dei Marsi è membro del comitato in difesa del territorio equo. “Chiediamo risposte – afferma Sante Gentile- sul processo del consiglio di stato sulla fase finale del ricorso. Inoltre chiediamo l’esito delle indagini, che durano ormai da tre anni, sullo stato dell’impianto di compostaggio”.

Hanno partecipato anche i sindaci di Magliano dei Marsi Mariangela Amiconi, di Scurcola Marsicana Maria Olimpia Morgante e di Massa D’Albe Nazzareno Lucci, nonché amministratori ed ex amministratori delle giunte comunali in questione.

Il sindaco di Magliano ha espresso la sua preoccupazione per la salute dei suoi concittadini e ribadisce la sua vicinanza ai suoi concittadini che sono perseguitati dall’orrenda puzza che proviene da tale impianto. “Sono qui oggi – riferisce il sindaco di Magliano- perché ho il dovere di essere in prima linea per tutelare la salute dei miei concittadini e del nostro territorio. Come sindaco devo esser certo che i miei concittadini devo essere al sicuro per quanto concerne la salute. Ed essere qui dinanzi al tribunale di Avezzano è molto importante perché la nostra protesta si rivolge ad una istituzione che tutela il rispetto delle leggi”.

I sindaci ed una rappresentanza di cittadini membri dei comitati in difesa del territorio equo sono stati cordialmente ricevuti dal procuratore della città. All’uscita dall’incontro, il sindaco di Magliano dei Marsi ha spiegato che le indagini sono tutt’ora in corso e nello stesso tempo ha ribadito la piena fiducia nell’operato della procura.

L’assessore regionale Lorenzo Beradinetti ha scritto una lettera all’ARTA, in merito all’impianto di compostaggio di Massa D’Albe, in cui richiede il monitoraggio dell’Aria in quelle zone – Magliano dei Marsi, Massa D’Albe e Scurcola Marsicana – in cui l’aria è infestata dal pessimo odore.

Infine, nella mattinata di sabato 13 ottobre alle ore 10, con partenza da piazza della Repubblica in Magliano dei Marsi avrà luogo una marcia di protesta fino all’impianto di Compostaggio per difendere il diritto alla salute per noi e per i nostri figli.