AVEZZANO – Allo scopo di valorizzare l’area in località “Cunicoli di Claudio” dal punto di vista estetico-paesaggistico e ricreativo-funzionale e di esaltarne gli aspetti naturalistici e storico-archeologici di tutto il comprensorio territoriale, Augusto Di Bastiano in rappresentanza del Centro Giuridico del Cittadino, scrive al sindaco di Avezzano.

Augusto Di Bastiano

«Con la presente, intendo sottoporre alla Vostra attenzione la necessità di eseguire un intervento di utilizzazione selvicolturale (taglio boschivo) all’impianto artificiale di conifere presenti in località “Cunicoli di Claudio. La formazione boschiva di natura artificiale – continua nella lettera Di Bastiano – è stata impiantata agli inizi degli anni ‘80 e ha avuto l’obiettivo di recuperare un’area degradata utilizzata come discarica abusiva principalmente di inerti di muratura. Le conifere impiantate hanno lo scopo transitorio di ricreare le condizioni naturali per l’insediamento naturale della flora arborea e arbustiva autoctona.

La vegetazione arborea è eccessivamente densa e molti soggetti arborei gravitano in uno stato di disseccamento. Le ramificazioni basse sono a contatto con la vegetazione erbacea-arbustiva e alto è il rischio di incendio. Si evidenziano anche i nidi di processionaria del pino che possono diffondersi in altre aree e che causano problemi di irritazione agli occhi e alla pelle alle persone. Nella porzione di superficie sotto strada dove è stata impiantata una parcella di duglasia si evidenziano diffusi fenomeni di disseccamento a carico degli alberi presenti per cause parassitarie e ambientali.

L’intervento da effettuare può essere inquadrato come diradamento degli alberi meno vigorosi e spalcature delle ramificazioni inferiori degli alberi dominanti. Con l’intervento di diradamento verranno abbattuti circa un terzo degli alberi e, in termini di volume, una massa legnosa da prelevare del 20-25%. Le operazioni di spalcatura –  conclude il portavoce del centro Giuridico del Cittadino di Avezzano – interesseranno l’intera superficie di circa 8 ettari. I costi di intervento sono dettagliati nel seguente quadro economico».

PUBBLICITÀ\' ELETTORALE A PAGAMENTO